Sindrome del colon irritabile

Blog del Dr. Santi Antonio - sindrome del colon irritabile

Nota anche come colon irritabile o colite spastica, questa sindrome è estremamente diversa dalle cosiddette malattie infiammatorie intestinali (come ad es. il morbo di Crohn). Infatti, mentre in quest'ultime c'è un'alterazione dell'anatomia intestinale, nel colon irritabile l'aspetto dell'intestino è normale e non presenta alcuna anomalia.

Nonostante i numerosi studi in merito, le cause della sindrome del colon irritabile sono un punto interrogativo. Secondo le ipotesi più attendibili, all'origine della condizione ci sarebbe una comunicazione anomala tra encefalo, fibre nervose che innervano l'intestino e muscoli intestinali.

I sintomi tipici del colon irritabile consistono in: dolore e crampi all'addome, stipsi, diarrea, gonfiore addominale, meteorismo e muco nelle feci.

Formulare una diagnosi di sindrome del colon irritabile non è per nulla semplice, per almeno due motivi: la mancanza di un test diagnostico specifico e l'aspecificità dei sintomi (sono sintomi comuni a tante altre patologie dell'intestino). Attualmente, la terapia per la sindrome del colon irritabile è soltanto sintomatica e diagnosticabile dal medico di famiglia.

Ma cos'è la questa sindrome?

La sindrome del colon irritabile è un insieme di disturbi intestinali, provenienti specificatamente dal colon.

La sindrome del colon irritabile è una condizione cronica, che può durare anni e richiedere - proprio a causa della sua lunga durata - un prolungato trattamento.

 

Diversamente dalle malattie infiammatorie intestinali come, per esempio, il morbo di Crohn o la colite ulcerosa, la sindrome del colon irritabile non è responsabile di alcun cambiamento dell'anatomia intestinale e non favorisce in alcun modo la comparsa del tumore del colon o del tumore del colon-retto.