Formicolio alla mano: allarme, quando e perché chiedere un parere

Il blog del dr. Santi Antonio - MASSOFISIOTERAPIA - Osteopata e fisioterapista Dr. Antonio Santi - Santa Maria a Monte (PI) | presso la palestra Olympia | Toscana

Il formicolio alle mani è una alterazione della sensibilità della mano che si  può esprime anche  a

livello del palmo, all'avambraccio e al braccio.

 

Il formicolio alle mani può manifestarsi al mattino appena alzati da letto o può perdurare durante

tutta la giornata nei casi più gravi. Può coinvolgere una mano o entrambe le mani.

 

Quando riguarda una sola mano può essere l'espressione di un disagio locale o cervicae mentre

quando si manifesta su entrambe le mani solitamente origina dallo stretto toracico bilaterale e

dalla zona dorsale.

Il formicolio può manifestarsi da solo, come sintomo a sé stante, o può presentarsi con altri

sintomi associati tra cui:

 

  • Dolore alle mani e dolore alle dita
  • Perdita di sensibilità alle dita
  • Perdita di forza
  • Mani fredde o mani calde
  • Sensazione di torpore

Il formicolio alle mani non è un disagio di per sé grave ma può trasformarsi in un motivo di

invalidità quando impedisce il corretto utilizzo della mano, questo accade soprattutto quando è

associato a deficit di sensibilità della mano e deficit di forza della mano.

 

Il blog del dr. Santi Antonio - MASSOFISIOTERAPIA - Osteopata e fisioterapista Dr. Antonio Santi - Santa Maria a Monte (PI) | presso la palestra Olympia | Toscana

Cause del formicolio alle mani

Generale allo scopo di avere diagnosi e indicazioni a riguardo.

 

Vediamo un rapido elenco di patologie che possono avere, fra le proprie espressioni sintomatiche, un formicolio alle mani:

 

 

 

  • Sindrome del tunnel carpale (di competenza osteopatica)
  • Sindrome dello stretto toracico (di competenza osteopatica)
  • Sindrome di De Quervain (a volte di competenza osteopatica)
  • Vasculiti
  • Sindrome di Raynaud
  • Sindrome di Dupuytren
  • Fuoco di Sant'Antonio
  • Diabete
  • Ipotiroidismo e Tiroidite di Hashimoto
  • Artrite reumatoide
  • TIA
  • Sclerosi Multipla
  • Infarto miocardico
  • Tumori

 

Pertanto, prima di prendere in considerazione l'ipotesi osteopatica è necessario escludere i fattori sopra esposti.